Salta al Contenuto della Pagina
Testo: Visualizza Dimensione Caratteri Standard | Aumenta Dimensione Caratteri del 10% | Aumenta Dimensione Caratteri del 30% |    Contrasto: Visualizza la pagina ad alto contrasto |
Ricerca Avanzata | Oggi “ il 21 Settembre 2017
Ricerca nel Sito



Sei in: Home >> I Servizi “ Guida ai servizi “ Io Cerco  “ Fondo per il sostegno all'accesso alle abitazioni in locazione
Valuta questa pagina    Buona Sufficiente Incompleta

Fondo per il sostegno all'accesso alle abitazioni in locazione

InformazioniDESCRIZIONE

Con la Legge 431/1998 all'art. 11 è stato istituito il fondo nazionale per il sostegno all'accesso delle abitazioni in locazione, che prevede la concessione di contributi al pagamento dei canoni di locazione risultanti da contratti di affitto regolarmente registrati ai sensi della Legge n. 392/1978, della Legge n. 359/1992 e dell'art. 11, commi 1 e 2 della Legge 431/1998.

La Regione del Veneto, con Delibera di Giunta n. 1210 del 15 settembre 2015,  ha fissato i criteri per la ripartizione del fondo relativamente all'anno 2015.
Il contratto di affitto per il quale si chiede il contributo è quello relativo all'anno 2014 e deve riferirsi ad alloggi situati nella Regione Veneto e occupati dal richiedente e dai componenti il suo nucleo familiare a titolo di residenza principale o esclusiva.
E' ammessa un'unica richiesta cumulativa di contributo comprensiva di più contratti di locazione, qualora la famiglia abbia cambiato alloggio nel corso dell'anno.
E' ammessa la presentazione di una sola richiesta di contributo per il sostegno all'affitto da parte dei membri dello stesso nucleo familiare.   

Come si utilizzaCOME SI UTILIZZA

Requisiti per la partecipazione al bando

Può partecipare al bando e ha diritto a richiedere il contributo per il proprio nucleo familiare il conduttore (locatario, erede, assegnatario dell’alloggio per sentenza di separazione) che, alla data di presentazione della domanda sia in possesso dei seguenti requisiti:

  • residenza nel Comune di Roncade;
  • il cui nucleo familiare non sia titolare di diritti di proprietà, usufrutto, uso o abitazione su alloggi o parti di essi, ovunque ubicati, il cui valore catastale ai fini I.R.PE.F. sia superiore a a Euro 26.071,76 (quattro volte la pernsione minima I.N.P.S. riferita all'anno precedente) purchè la quota complessiva di possesso, da parte del nucleo familiare, sia inferiore al 50%. Sono esclusi dal computo gli alloggi di proprietà che, per disposizione dell'autorità giudiziaria, sono dati in godimento al coniuge separato o nel caso in cui l'usufrutto sia assegnato a genitore superstite;
  • attestazione I.S.E.E. dell'anno in corso (D.P.C.M.) 159/2013) da cui risulti un ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) non superiore a Euro 13.000,00;
  • se cittadino comunitario o extracomunitario, non essere destinatario di provvedimento di allontanamento dal territorio nazionale;
  • se cittadino extracomunitario, essere in possesso di permesso di soggiorni, perrmesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o Carta Blu UE in corso di validità oppure sia stata presentata istanza di rinnovo entro i termini prescritti, di titolo di soggiorno scaduto e non ricorrano le condizioni previste dall'art. 5, comma 5 del D. Lgs. 286/1998 e successive modifiche; 
  • se cittadino extracomunitario, il possesso del certificato storico di residenza che attesti la residenza continuativa in Italia da almeno 10 anni o nella Regione Veneto da almeno 5 anni alla data della domanda. Tale requisito può essere assolto anche dal coniuge;  
  • aver occupato, nell'anno 2014 a titolo di residenza principale o esclusiva per effetto di contratto di locazione regolarmente registrato, purché tale contratto non sia stato stipulato fra parenti o affini entro il secondo grado. Non possono essere inoltre fatti valere i periodi di locazione riguardante alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica il cui canone è agevolato in funzione della condizione economica;
  • i canoni devono essere relativi  ad alloggi di categoria catastale compresa fra A/2, A/3, A/4, A/5, A/6, A/7, e A/11;
  • il canone di affitto annuo, abbia incidenza sull'ISEfsa, non inferiore al 18% e non superiore al 70%, come meglio precisato al punto 3 del Bando FSA 2015;
  • la superficie netta, riferita all'ultimo alloggio per il quale si chiede il contributo, non deve superate il limite stabilito al punto 1.e del Bando FSA 2015.

Dove rivolgersiSCADENZE E DOVE RIVOLGERSI

Le domande potranno essere presentate a partire dal giorno 05 novembre 2015 ed entro il giorno 10 dicembre 2015 unicamente presso i CAAF territoriali convenzionati ed abilitati.

Info:
  Ufficio Servizio Sociale - Via T. Vecellio n. 4.
  Telefono 0422/846271. Fax 0422/841165.
  e-mail sociale@comune.roncade.tv.it

  Orario di apertura al pubblico:
  lunedì dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 18.00
  mercoledì dalle 16.00 alle 18.00. 

  

MODULISTICAModuli da scaricare

Bando FSA 2015 completo   

DOCUMENTI DA PRESENTARE

Documenti da PresentareNessuna documentazione deve essere allegata alla domanda trattandosi di autocertificazione ai sensi del D.P.R. 445/2000. Solo per i documenti non in possesso della Pubblica Amministrazione potrà, in sede di liquidazione o di controllo, esserne richiesta la presentazione

QUANTO COSTA E COME SI PAGAQuanto Costa

Non ci sono costi da sostenere per la presentazione della domanda



Ultima modifica: Giovedģ, 5 Novembre 2015 - ore 07:46


utenti on-line: 1 | pagine visitate: 0